Il mio Sanremo



Non sono una fan accanita del festival di Sanremo, né una che smanetta col televoto per spingere in alto il favorito di turno.
Quest’anno però l’edizione appena conclusa del festival mi ha colpita al punto da decidere di scrivere un post.
Come tutti saprete la canzone vincitrice è “Occidentali’s karma” di Francesco Gabbani, di cui si tessono ancora infinite lodi.
Bella, originale, ironica...
Sarò io che ho in mente tutt’altro genere di canzoni ma il brano non mi ha comunicato nulla.
Voce strascicata, parole comprensibili a stento e un mucchio di citazioni gettate a caso.
Non basta citare internet e l’era della tecnologia, mescolarla con Shakespeare, Eraclito, “Singing in the rain”, Desmond Morris (la scimmia nuda è un richiamo a uno dei suoi libri), Karl Marx e Marylin Monroe (le gocce di Chanel) per creare un testo che tocca il cuore.
Anzi, la canzone somiglia molto ad uno di quei temi scritti da uno studente svogliato che non sa argomentare e butta lì i primi concetti che gli vengono in mente, alla rinfusa.
E Gabbani è una pallida imitazione di Battiato e Gazzè, ma senza la loro originalità.

Chi invece meritava ampiamente di vincere e mi ha colpita dritta al cuore sono stati tre cantanti con tre brani emozionanti, densi di significato e scritti (oltre che interpretati) bene.
La cara vecchia musica che oggi si fatica a trovare.
Li cito mettendoli in classifica solo per una questione di lettura, ma per me sono vincitori a pari merito.

-“Vietato morire”, brano autobiografico di Ermal Meta. Questa canzone mi tocca molto da vicino, è una testimonianza contro la violenza perpetrata sulle donne, un grido di giustizia e un brano pieno di speranza;


-“Che sia benedetta” di Fiorella Mannoia, un bellissimo inno alla vita che fin troppo spesso viene disprezzata e sprecata;


-“Fatti bella per te” di Paola Turci: una canzone da dedicare a tutte le donne del mondo, perché ricordino ogni giorno quanto valgono e quanto sia bello, nonostante tutte le difficoltà, essere donna.

Commenti

Francesca A. Vanni ha detto…
Ciao Ofelia, a me è piaciuta tanto anche la canzone di Masini che potrebbe benissimi essere inserita nella classifica con questi altri tre brani stupendi.
Per quanto riguarda la canzone vincitrice, credo rifletta i gusti della maggior parte degli italiani che sono mediocri e si accontentano di poco.
Baci, Francesca
Patricia Moll ha detto…
Ciao Ofelia ome ogni anno non ho guardato il festival. Non so chi ha partecipato nè (quasi) chi ha vinto.
Ho letto il testo della canzone Vietato morire e mi sono detta che sì, è un testo importante. Forte.
Però confesso non l'ho cercata in rete per ascoltarla. Lo faccio ora visto che tu hai messo il video.
Pigrizia? No.. solo che non ho la testa ora come ora per la musica. Ho bisogno di silenzio piuttosto :)
Un bacione
RobbyRoby ha detto…
ciao
Vietato morire e Che sia benedetta sono canzoni che mi piacciono molto.
Mariella ha detto…
Quello che avevo da dire su questa canzone l'ho già detto da me qualche giorno fa. PEr quel che riguarda Gabbani, sia l'anno scorso che quest'anno, mi ha stupito in positivo. Mi piace la sua ironia e credo che farà molta strada. In genere non do giudizi radicali su persone che non conosco abbastanza bene. Il tempo dirà quanta strada sarà in grado di percorrere. Buona serata.
Regina 'Irene Z.' ha detto…
Mi trovi assolutamente d'accordo. La prima volta che ho visto e sentito Gabbani, ho pensato che non si sarebbe esibito una seconda volta (che poi non so manco bene come funzionano le eliminazioni e tutto l'ambaradam di Sanremo): brutta la canzone, orribile la performance.

E invece... Ma chi l'avrà votato quello? Giuro che me lo son chiesta.

Per me ha vinto senz'ombra di dubbio Fiorella. La Turci, purtroppo, non la reggo come timbro, per cui mi va a scadere anche il significato del testo e la melodia.
Mi è piaciuto lo sprint che ci ha messo la tizia con i capelli lilla, quella col nome da cartone animato, solo che in quel caso il testo era quello che era ed il titolo non si poteva sentire: Tutta colpa mia. Ma dai, già parti sconfitta in partenza con un titolo così. O no?

Ti auguro una buona serata ^_^

Post popolari in questo blog

Silenzio

Quello strano vizietto....

Educazione alla Di Genio per africani e non...