Nel tuo nome

L’Imperatore Adriano ritorna vivo più che mai, a millenovecento anni dalla sua incoronazione, grazie alla penna di un’autrice di cui vi ho già parlato in questo post e che molti di voi conoscono.
Si tratta di Francesca A. Vanni e oggi vi parlerò del suo ultimo romanzo, “Nel tuo nome”.

Un titolo che è già un programma e che spinge a chiedersi: cosa viene fatto in nome di chi?
La risposta non è una sola e si dipana su diversi piani, strati che si intrecciano e sovrappongono gli uni agli altri creando l’eterogeneo universo che costituisce la storia scritta dall’autrice.
Non aspettatevi niente di simile alle “Memorie di Adriano” di Marguerite Yourcenar, nelle pagine del romanzo di Francesca A. Vanni non troverete un Adriano vecchio, malinconico e preda dei rimpianti del passato, ma un uomo combattivo e disposto a tutto pur di non soccombere alle sinistre trappole che il Fato porrà sulla sua strada.

E al fianco di Adriano troverete non solo il bellissimo e intelligente Antinoo, ma anche il principe Marco Aurelio e tanti altri personaggi appartenenti a province e classi sociali diverse che prendono vita e creano un mondo caleidoscopico da cui il lettore, una volta entrato nella storia, faticherà a distaccarsi. 

Lo stile del libro bilancia bene descrizioni, azione e dialoghi (tutto quanto scritto con un linguaggio molto accurato) che racchiudono in sé molti riferimenti filosofici, religiosi e storici dando così l’idea dell’impegno che l’autrice ha impiegato per svolgere le ricerche necessarie a costituire il sottotesto del romanzo.
Ho trovato molto interessanti anche le citazioni poste all’inizio di ogni capitolo e l’appendice finale che svela diversi retroscena.

Per finire, pongo l’accento su quella che a mio parere è la protagonista silenziosa ma sempre presente in tutto il romanzo: Roma.
“Nel tuo nome” trasuda romanità da tutti i pori, è un omaggio non solo alle figure storiche presenti nel racconto ma anche alle nostre origini di cui, troppo spesso, sembriamo non andare molto fieri.

La sola critica che posso muovere verso questo libro, se proprio di critica si tratta, è quello di essere giunto alla parola fine!


Commenti

Tomaso ha detto…
Cara Ofelia, leggo molto poco, ma credo che questo libro sarebbe interessante anche per me!!!
Ciao e buona giornata con un forte abbraccio e un sorriso:-)
Tomaso
Bella recensione di un libro che già prima consideravo interessante
cristiana2011 ha detto…
Io l' ho in edizione kindle, lì che m'aspetta , e la tua recensione è un incentivo. Grazie
Cristiana
Patricia Moll ha detto…
Ottima recensione, Ofelia. Invoglia a leggere :)
Aggiungo alla lista desideri e per Natale mi farò un bel regalo
Ciaoooo
Francesca A. Vanni ha detto…
Hai ragione, Ofelia, purtroppo ho dovuto mettere la parola fine su questo libro!
Sono comunque contenta che ti sia piaciuto e sono io che ti ringrazio per averlo letto e recensito con così tanta sincerità. Posso chiederti, tanto per curiosità, qual è il personaggio che hai più apprezzato?
Un abbraccio, Franny
Marina Zanotta ha detto…
Forse leggerò anche questo 😉
Era in programma da un po' e con la tua recensione i sa che non ho più scuse!!
Ciao
Marina

Post popolari in questo blog

Silenzio

Quello strano vizietto....

Educazione alla Di Genio per africani e non...