Eterno infinito

La luce crepuscolare
morbidamente si adagia
sulla ruggine lasciata dal tempo.
Dove sono andati
il soffio della vita,
la leggera grazia del passato,
i giorni migliori?
Il silenzio
non si sforza di appagare
le richieste del cuore.
L’eterno infinito
è solo un fugace
volo di uccelli
che si perde oltre l’orizzonte.
Suona allora la tua melodia,
scaccia le ombre
che si allungano
per ghermire la tua essenza.
Sii gemma dischiusa
al nuovo giorno,
fiorisci al gentil
tocco del primo
raggio di sole,
e tutto sarà armonia.
(© Ofelia Deville)



Commenti

un finale che vuole dare coraggio, una serie di versi che spronano alla vita. Un finale più bello ed una migliore armonia di suoni e di vita non le potevi trovare.
Pier(ef)fect ha detto…
Buon settembre e grazie per aver condiviso questi tuoi bei versi :)
Ofelia Deville ha detto…
@Pier(ef)fect @Daniele Verzetti il Rockpoeta
Grazie per il vostro gradito apprezzamento per questi miei modesti versi!
Mariella ha detto…
Che bella poesia, piena di luce e armonia.
Un abbraccio Ofelia!
Sugar Free ha detto…
Mamma mia che bella, qui una lacrimuccia ci sta tutta!
Un abbraccio e un applauso!!!!!!
Francesca A. Vanni ha detto…
Bella e malinconica, questa tua poesia, invita a non arrendersi nonostante tutto.
Un abbraccio!
Squitty ha detto…
Bellissima! Complimenti!

Post popolari in questo blog

Giornata Internazionale contro l'omofobia, la bifobia e la transfobia

Giorgia dimenticata in auto!

Zelig... ma non facciamo cabaret!