Tra le tue braccia

Ricordando mia mamma.
Oggi è una giornata un po’ così, di quelle giornate in cui vorresti tornare bambina per sentire ancora una volta il calore dell’abbraccio materno. Questa poesia è per te!



C’è un posto nel mondo
dove il cuore batte forte,
dove rimani senza fiato,
per quanta emozione provi,
dove il tempo si ferma
e non hai più l’età;
quel posto è tra le tue braccia
in cui non invecchia il cuore,
mentre la mente
non smette mai di sognare…
Da lì fuggir non potrò
poiché la fantasia d’incanto
risente il nostro calore e no…
non permetterò mai
ch’io possa rinunciar a chi
d’amor mi sa far volar.
(Alda Merini)

Commenti

Francesca A. Vanni ha detto…
Cosa posso dire se non che ti sono vicina?
Sarà banale, ma è così.
Ti voglio bene.
Patricia Moll ha detto…
Non possono esserci parole per commentare una tale poesia. Sublime!
Ciao Ofelia
Tomaso ha detto…
Cara Ofelia, è veramente bello sentire parlare così della propria mamma, dedicare questa bella poesia.
Ciao e buona serata con un forte abbraccio e un sorriso:-)
Tomaso
Bellissima scelta per ricordarla.
RobbyRoby ha detto…
Ciao bella poesia. Mi piacciono le poesie di Alda Merini. Buona giornata.
Mariella ha detto…
Come si fa a non amare Alda.
Le sue parole riescono ad abbracciarci tutte.
Che bell'omaggio per la tua mamma.
Ti abbraccio.
Sugar Free ha detto…
Ciao Ofelia,
io la mamma ce l'ho ancora e spero mi duri in eterno quindi non so che dirti perché sembrerei un'oca banale.
Ti mando solo tanti baci virtuali.
Penny
Mirtillo14 ha detto…
Cara Ofelia, la mia mamma non c'è più da molti anni e , ancora adesso sento la sua mancanza. Hai scelto una bellissima poesia per ricordare la tua. Ti sono vicina e ti abbraccio
Patalice ha detto…
il bene di una madre credo lo si percepisca solo quando si smette di essere figli...
Antonella S. ha detto…
Quanto manca la mamma! Il tuo è stato un modo dolcissimo di ricordarla.
Un abbraccio.
Antonella
Ofelia Deville ha detto…
Grazie a tutti!

Post popolari in questo blog

Italia e immigrazione: una polveriera pronta ad esplodere!

Il ghost blogger

Oscar Wilde e Dorian Gray, una vita al limite