Come è profondo il mare

"L'esordio del Dalla paroliere non potrebbe essere più felice. Come è profondo il mare (1977), infatti, sfodera un attacco folgorante: "Siamo noi, siamo in tanti, ci nascondiamo di notte per paura degli automobilisti, dei linotipisti. Siamo i gatti neri, siamo pessimisti, siamo i cattivi pensieri, e non abbiamo da mangiare...". Finalmente consapevole dei propri mezzi espressivi, Dalla si rivela autore sensibile e fantasioso, mescolando idealismo politico e sentimenti, eccentricità e humour.
Come è profondo il mare è un disco di storie quotidiane a sfondo autobiografico, di cani randagi braccati e di anime perse. Un racconto scandito da una varietà di ritmi e stili: il blues, il rock, il soul, lo stomp, la ballata melodica. E' un disco più accessibile, ma ancora denso di richiami allegorici. Il mare della title track, ad esempio, raffigura il pensiero, che "dà fastidio, anche se chi pensa è muto come un pesce", ma "non lo puoi bloccare, non lo puoi recintare". E così i potenti si accaniscono sul mare: lo vogliono bruciare, uccidere, umiliare. Cantilena lenta e dolcissima, cadenzata sul basso liquido di Marco Nanni, ti si insinua, inesorabile, nelle orecchie e nel cuore."
Claudio Fabretti, da Onda Rock

Non è semplice, né viene certo naturale, scrivere la storia del mondo. Nello spazio di una canzonetta, poi; bisogna essere del tutto folli, e nel 1977 Lucio Dalla lo era parecchio. Una storia del mondo, che è nato dal mare, e dell'umanità, che sta ammazzando il mare. Una storia collettiva che s'intreccia con la propria vita, a partire da un preciso riferimento biografico (il padre di Lucio Dalla, “gran cacciatore di quaglie e di fagiani”, era effettivamente presidente del circolo di tiro a volo di Bologna); un inizio sfolgorante e devastante, che è rimasto nella storia della canzone italiana con quell'ammasso di automobilisti, linotipisti, pessimisti, gatti neri e cattivi pensieri. E' la prima prova di Lucio Dalla come autore di testi, dopo la rottura con Roberto Roversi, e di prim'acchito, assieme a tutto il disco, diventa una delle maggiori. E scorre davvero la storia quotidiana del mondo, canzone eponima di un album che è interamente fatto di storie quotidiane in un periodo eccezionale. Le immagini sono crude: questa è, in gran parte, una canzone che racconta violenza. Soprattutto la violenza fatta al pensiero, cioè al mare.
Fonte: antiwarsongs




Siamo noi, siamo in tanti, ci nascondiamo di notte
per paura degli automobilisti, dei linotipisti
siamo gatti neri, siamo pessimisti, siamo i cattivi pensieri,
e non abbiamo da mangiare,
come è profondo il mare,
come è profondo il mare.

Babbo che eri un gran cacciatore di quaglie e di fagiani
caccia via queste mosche che non mi fanno dormire,
che mi fanno arrabbiare,
come è profondo il mare,
come è profondo il mare.

E` inutile non c'è più lavoro, non c'è più decoro
Dio o chi per lui sta cercando di dividerci,
di farci del male, di farci annegare,
come è profondo il mare
come è profondo il mare.

Con la forza di un ricatto l'uomo divento qualcuno,
resuscito anche i morti, spalancò prigioni,
bloccò sei treni con relativi vagoni,
innalzo per un attimo il povero a un ruolo difficile da mantenere,
poi lo lasciò cadere a piangere e a urlare
solo in mezzo al mare,
come è profondo il mare.

Poi da solo l'urlo divento un tamburo
e il povero, come un lampo, nel cielo sicuro,
comincio una guerra per conquistare
quello scherzo di terra
che il suo grande cuore doveva coltivare,
come è profondo il mare
come è profondo il mare.

Ma la terra gli fu portata via compresa quella rimasta addosso
fu scaraventato in un palazzo o in un fosso, non ricordo bene,
poi una storia di catene, bastonate
e chirurgia sperimentale.
Come è profondo il mare,
come è profondo il mare.

Intanto un mistico, forse un aviatore, scoprì la commozione
che rimise d'accordo tutti, i belli con i brutti,
con qualche danno per i brutti che si videro consegnare
un pezzo di specchio così da potersi guardare,
come è profondo il mare,
come è profondo il mare.

Frattanto i pesci, dai quali discendiamo tutti,
assistettero curiosi, al dramma collettivo
di questo mondo che a loro indubbiamente
doveva sembrare cattivo
e cominciarono a pensare, nel loro grande mare,
come è profondo il mare.
Nel loro grande mare,
come è profondo il mare.

E` chiaro che il pensiero dà fastidio
anche se chi pensa è muto come un pesce
anzi è un pesce e come pesce
è difficile da bloccare
perchè lo protegge il mare,
come è profondo il mare.

Certo chi comanda non è disposto a fare distinzioni poetiche
il pensiero è come l'oceano,
non lo puoi bloccare, non lo puoi recintare.
Così stanno bruciando il mare,
così stanno uccidendo il mare
così stanno umiliando il mare,
così stanno piegando il mare.

Commenti

Patricia Moll ha detto…
Beh... il grande Lucio non si può mai mettere in discussione :)
Le sue canzoni sono tutte poesie in musica.
Mi manca!
Riccardo Giannini ha detto…
Capolavoro.

Se ho ben capito, nel testo fa riferimento alle guerre, alla bomba atomica, ai campi di concentramento..a tutto il peggio dell'uomo.

E' un inno al pensiero e alla libertà di pensiero.

Canzone da studiare a scuola
Una canzone con tanti spunti di riflessione.
Serena domenica.
Francesca A. Vanni ha detto…
Splendida canzone, una denuncia contro chi cerca di coercizzare il pensiero e quindi il mondo!
Baci :-)
Lucrezia Ruggeri ha detto…
Bellissima canzone, grazie per averla condivisa.
Bacione.

Post popolari in questo blog

Italia e immigrazione: una polveriera pronta ad esplodere!

Il ghost blogger

Oscar Wilde e Dorian Gray, una vita al limite