Il "Dio pensiero"

Questo non è un post per credenti contro non credenti.
È solo un post filosofico, uno di quelli che nascono per caso o per il troppo pensare.
Un post così.

Dio è un concetto.
Mi è venuto in mente in questi giorni, complice tutta questa neve che continua a cadere, e ho deciso di scriverci sopra.
In che senso è un concetto?
Nel senso che Dio (qualsiasi, di qualsiasi tempo, religione e cultura) rappresenta un po’ il “modello” dell’uomo.
Anticamente aveva sia difetti che pregi, poi i difetti sono via via scomparsi e i pregi sono aumentati.
Amore, comprensione, perdono, saggezza, misericordia, bontà, onniscienza...
Pregi, appunto.
Dio è così una creatura concettuale che incarna ciò che tutti gli uomini dovrebbero essere.

Il problema a questo punto sta negli uomini.
Se si creano divinità così buone, degli esempi da seguire, perché regolarmente non vengono seguiti?
Mi sembra che concetti come “rispetta il tuo prossimo”, “non uccidere”, “non rubare” e tantissimi altri, siano concetti universali (che vanno al di là della religione).
Perché rispettarli è impossibile, per alcuni?

Da qui dunque la domanda delle domande.
Perché l’uomo compie il male?
Non trovo, e questo lo pensavo anche prima della mia esperienza con il mio ex marito, che ci sia una giustificazione che possa spiegare il perché l’uomo commetta il male.
Soprattutto poi quando si crea il “Dio pensiero” per spronarsi a fare del bene.

Tutto questo mi fa venire in mente una sola parola: ipocrisia.
A voi che fa venire in mente?


Commenti

Anke Agata Russo ha detto…
Post veramente filosofico.
Non lo so perché certe persone amano fare del male al prossimo, so però che poco si fa per fare e capire il bene ed ecco perché il mondo non funziona.
Hai scritto bene: se questo presunto Dio deve essere un esempio, seguirlo è poi così impossibile?
Baci!
Riccardo Giannini ha detto…
Da un punto di vista religioso, il libero arbitrio che ci lascia Dio ci permette anche di sbagliare e di fare del male, allo stesso modo l'uomo, imperfetto, non può essere puro e perfetto come Dio.

Da un punto di vista non religioso, possiamo magari riferirci al pensiero filosofico: un uomo che tendenzialmente "è lupo" per gli altri uomini, o comunque che è sostanzialmente egoista (non ipocrita), quindi è pronto anche a fare male per conseguire i propri scopi e soddisfare i propri desideri.
Tomaso ha detto…
Cara Ofelia, è bello sentire ciò che uno pensa, non ce nulla di male, anzi se tutti lo facessero sarebbe meglio.
Ciao e buona domenica con un abbraccio e un sorriso:-)
Patricia Moll ha detto…
Ipocrisia,menefreghismo, il sentirsi superiori a tutto, a volte Dio compreso.
Dio é un concetto e può an essere un ottimo concetto, sono coloro che amministrano questo concetto che lo snaturano con i loro stessi atti.
L'uomo poi é fragile, debole. la sua forza è solo immaginaria. Ecco perchè cede all'altro concetto
Il demonio


Ps forse ci sono riuscita. Che schifo oggi g+!
Credo ahimè sia nella natura dell'uomo o almeno di certi esseri umani, il male. La religione serve per avere un ipotetico soggetto ultraterreno per spiegarci come tutto è stato creato e per avere qualcuno migliore di noi a a cui tendere. Tutto questo è peraltro abbastanza inutile poiché certi valori come "non uccidere" "non rubare" sono valori etici anche della laicità.
Francesca A. Vanni ha detto…
Mi viene in mente la famosa canzone di Gaber, "Un'idea".
Penso che Dio sia la stessa cosa: una bella idea che fintanto che uno ne parla è grandiosa, funziona, ve benissimo.
Poi quando la si deve mettere in pratica c'è un assenteismo tremendo.
Un abbraccio.
Olivia Hessen ha detto…
Ah, bella domanda la tua!
Il nostro è un mondo che va alla rovescia ormai :-(
Baci!
Ofelia Deville ha detto…
@Anke Agata Russo
Credimi, piacerebbe tanto anche a me possedere la risposta a questa domanda.
Ciao piccolina!
Ofelia Deville ha detto…
@Riccardo Giannini
Homo homini lupus è una teoria molto nota, ma il punto è: se l'uomo pone da sé e per se stesso dei "paletti", oltre che essere egoista non è ipocrita nel superarli?
E perché poi?
Se tu, per esempio, avessi una pistola in mano e la totale libertà di uccidere lo faresti?
Perché? Perché no?
Ofelia Deville ha detto…
@Tomaso
Grazie a te, ogni volta che passi di qua mi fai sempre molto contenta :-)
Ofelia Deville ha detto…
@Patricia Moll
Che poi il demonio è la giustificazione usata dall'uomo per il male compiuto.

ps: sì, g+ fa schifo ultimamente!
Ofelia Deville ha detto…
@Daniele Verzetti
Sono totalmente d'accordo con te.
Patricia Moll ha detto…
Esatto Ofelia, ma l'uomo ha sempre bisogno di una scusa per agire.
Ofelia Deville ha detto…
@Francesca A. Vanni
Sì, penso sia questo il problema: tra dire e fare c'è sempre una grande differenza.
Ofelia Deville ha detto…
@Olivia Hessen
Verissimo!
Mirtillo14 ha detto…
"Perchè l'uomo compie il male ?"
Bella domanda !!! Non conosco la risposta.
Forse perchè l'uomo è, per natura, egoista, egocentrico, arrivista ...conosce i comandamenti, che esprimono concetti validi per tutte le religioni ma li adatta ai propri comodi o non li rispetta affatto.
Forse perchè l'uomo è dominato da un senso di onnipotenza che lo fa sentire superiore anche a Dio ..
A parole, gli uomini esprimono tutti bellissime convinzioni ma a fatti ??? Come la mettiamo !!! Ciaooooo
Federica R ha detto…
Un bel post impegnativo e filosofico ai massimi livelli...non lo so, mi pongo queste domande da tanto tempo, una volta pensavo anche di averne la risposta e poi l'ho persa, come tante altre cose!
Anna Piediscalzi ha detto…
Non esiste Dio pensiero, se non in chi cerca scuse al suo agire. Dio è reale ma ci ha dato il libero arbitrio e la sua legge è in noi (la legge perfetta dell'amore).
Ha dato la sacra bibbia dove egli ci parla e la preghiera dove egli ci ascolta.
Il problema principale che la gente è confusa, spaventata, dissilusa,e sola ma vuol restare indipendente. L'uomo per se stesso. l'uomo dirige se stesso.
Tutto questo partorisce ciò che stiamo vivendo.
Ofelia Deville ha detto…
@Mirtillo14
Io sono atea, questo post è stato scritto in senso ateo e infatti come ho specificato Dio è solo un concetto, un'invenzione che l'uomo si è creato in due sensi: dapprima come buon esempio e poi per giustificare tutto il male che fa.
Poi la mia domanda, purtroppo per noi tutti, resterà retorica.
Un saluto!
Ofelia Deville ha detto…
@Anna Piediscalzi
Ciao Anna, io rispetto tanto chi crede in un qualsiasi possibile divinità, ma personalmente sono atea quindi i discorsi su Dio con me non attaccano.
Che poi sia reale, è tutto da dimostrare.
Ciò che volevo esprimere in questo post e che non tutti lo hanno colto è l'abilità dell'uomo nel crearsi un "dio ad hoc" per giustificare il suo operato.
Non credo nella confusione dell'anima, nella disillusione, nello smarrimento.
L'uomo, come individuo, sa sempre ciò che fa.
barbara gastaldi ha detto…
Senza entrare nel merito dei casi limite, che comunque sono tanti, forse anche la visione del male è relativa. Il male fatto inconsapevolmente, per ingenuità, per stupidità, è comunque male. E confesso che anche quel tipo di male, più moderato, più meschino e meno ideologico, mi infastidisce quando mi colpisce ma... sono sicura di non farne neanche io, in modo non intenzionale?
Ofelia Deville ha detto…
@barbara gastaldi
Ciao e benvenuta.
Il male intenzionale o no è sempre male, bisogna assumersene le responsabilità e accettare le conseguenze che ne derivano senza crearsi un capro espiatorio ad hoc.

Post popolari in questo blog

Giornata Internazionale contro l'omofobia, la bifobia e la transfobia

Giorgia dimenticata in auto!

Zelig... ma non facciamo cabaret!