Le parole che non ti ho detto


Le parole che non ti ho detto
sono suoni pensati
e sussurrati a bassa voce,
l’intrinseca via cieca
bolle di placenta
sinapsi interrotte.

Sono solo parole
sono senza voce,
sono solo parole
sono lame di ghiaccio,
sono solo parole
sono stille di sangue.

Le parole che non ti ho detto
sono briciole di cuore,
sono tormenti
che scarnificano la pelle.

Le parole che non ti ho detto
non le trovi dentro i libri
non sono scritte sulla pietra,
sono lì dentro i miei occhi
e in ogni lacrima versata.

Le parole che non ti ho detto
che non ti dirò mai,
resteranno sospese
nel limbo del silenzio
racchiuse in una scintilla
spenta troppo presto.
(© Ofelia Deville)

immagine dal web


Commenti

Francesca A. Vanni ha detto…
Citando Vecchioni "e quante volte ti volevo dire sai, se non ci fossi tu, poi non l'ho detto mai".
Bellissima questa tua poesia, la condivido!
Baci :-)
Tomaso ha detto…
Cara Ofelia, complimenti per questi versi, se anche troppo crudeli ma molto belli.
Ciao e buona domenica delle palme con un forte abbraccio.
Tomaso
Riccardo Giannini ha detto…
"Le parole che non ti ho detto sono briciole di cuore": bellissima quest'immagine. E' proprio così, a volte non riusciamo a tirare fuori le parole perché significa mettere troppo a nudo i nostri sentimenti, il nostro cuore.
Quante sono le parole che molti non dicono e che forse invece dovrebbero aver la forza di pronunciare a voce alta o sussurrandole al diretto interessato.
Patricia Moll ha detto…
Te l'ho già ascritto, Ofelia, ma lo ripeto.
Dolce e amara al tempo stesso. Dolorosa. Bellissima!
Ciaooo
Anke Agata Russo ha detto…
Rispetto alle altre poesie che ho letto sul tuo blog, qui ho trovato qualcosa in più... un'emozione, un pensiero... bellissimi versi!
Baci baci!
Anna Piediscalzi ha detto…
Bellissima^^
Ofelia Deville ha detto…
Grazie a tutti, comunque le parole non dette resteranno tali perchè chi doveva ascoltarle non lo può più fare.

Post popolari in questo blog

Italia e immigrazione: una polveriera pronta ad esplodere!

Il ghost blogger

Oscar Wilde e Dorian Gray, una vita al limite